L’ultimo DPCM ha suddiviso l’Italia in tre aree di rischio

Con l’ultimo DPCM che ha suddiviso l’Italia in tre aree di rischio in base a 21 parametri specifici nella gestione dell’emergenza sanitaria, la Campania è stata dichiarata zona gialla sulla base di evidenze numeriche che sulla carta sottolineano ancora ad oggi una buona capacità ricettiva e gestionale, sia dei Covid Center campani sia delle strutture dedicate alla sanità ordinaria.

Immagini come quelle che arrivano dall’Ospedale “San Leonardo” di Castellammare di Stabia, con decine di ambulanze in fila all’esterno del nosocomio in attesa della disponibilità di un posto letto per i pazienti che le occupano, oltre all’oggettiva difficoltà di accedere alle cure ordinarie da parte di migliaia di cittadini, suscitano, però, più di un dubbio sui numeri trasmessi dalla Regione Campania a Palazzo Chigi. A tal proposito, apprendo con favore l’apertura di un’inchiesta da parte della Procura della Repubblica di Napoli, che sta facendo luce sui dati forniti sulla situazione campana. 

In questo scenario di incertezza, ci tengo a rinnovare il mio invito ai cittadini campani a ridurre il più possibile le occasioni di potenziale propagazione del Covid, evitando assembramenti, limitando gli spostamenti non necessari e rispettando rigorosamente le norme anti-contagio individuali e collettive. 

Inoltre, esprimo nuovamente il mio ringraziamento al personale sanitario che da mesi è impegnato in prima linea nella lotta contro il coronavirus, ricordando costantemente che un piccolo atto di responsabilità individuale può agevolare il loro prezioso lavoro e di riflesso il benessere collettivo.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi