Istituiti anno bianco fiscale e cassa integrazione per i lavoratori autonomi più colpiti

Con la Legge di Bilancio 2021, approvata definitivamente anche dal Senato, due delle più importanti misure previste sono quelle relative all’istituzione di un anno bianco fiscale e della cassa integrazione per autonomi, entrambe rivolte alle partite iva più colpite dagli effetti della crisi. 

Tutti i lavoratori autonomi che non superano i € 65.000 di fatturato e che abbiano registrato nel 2020 un calo del fatturato di almeno il 33% non verseranno alcun tipo di contributo previdenziale nel 2021. Con un fondo da 1 miliardo di euro, sarà lo Stato a farsene carico. 

Inoltre, viene introdotta una dedicata Cassa Integrazione, denominata Iscro, rivolta a professionisti che abbiano una partita Iva attiva da almeno 4 anni e reddito dichiarato non superiore a € 8.145. Avrà durata semestrale e, a seconda dei casi, prevede un indennizzo dai 250 agli 800 euro mensili per chi abbia subìto perdite del 50% rispetto ai tre anni precedenti. Esclusi dalla misura i percettori di Reddito di Cittadinanza. 

Anno bianco fiscale e Iscro sono stati ideati per tendere la mano ai lavoratori indipendenti che, a causa di un drastico calo delle proprie entrate, hanno pagato a caro prezzo le ripercussioni del Covid19 sulla nostra economia, e non possono essere lasciati indietro nel processo di ripartenza del Paese.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi