Emendamento approvato: stanziati altri 160 milioni per salvare i comuni italiani a rischio deficit

Comuni a rischio deficit: approvato dalla Commissione Bilancio un emendamento a mia prima firma al Decreto Sostegni Bis che consentirà di salvare oltre 1.000 comuni italiani a rischio dissesto finanziario o che già si trovano in condizioni di deficit.

Il provvedimento – fortemente supportato dalla Viceministra al Ministero dell’Economia e delle Finanze Laura Castelli e da tutti i commissari – prevede uno stanziamento di ulteriori 160 milioni di euro che portano il “Fondo Salva Comuni” a un totale di 660 milioni.

Somme che contribuiranno a evitare l’aumento delle tasse locali e a garantire, senza distinzione alcuna in tutta Italia, i servizi essenziali che un’amministrazione comunale è tenuta a offrire ai propri cittadini.

In particolare, stiamo parlando dei Comuni che avevano ricevuto in passato anticipazioni di liquidità per pagare i loro debiti commerciali ma che, in seguito alla sentenza 80/2021 della Corte Costituzionale sono stati costretti a ripianare le anticipazioni non in 30 anni, come previsto dal legislatore, ma in tempi ordinari e dunque molto più brevi, con il rischio che molti servizi fondamentali, proprio per far fronte al ripianamento in tempi brevi del debito, non potessero essere più garantiti.

Un passo importante per la tutela dei nostri territori, con l’auspicio che questi fondi possano garantire a tutti i comuni la stabilità finanziaria necessaria per gestire un municipio con autonomia ed efficacia, senza pesare oltremodo sulle tasche dei cittadini.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi