Diritto alla salute: 350 milioni per tagliare le liste d’attesa

350 milioni per tagliare le liste d’attesa e dare più efficienza al sistema.

CUP più digitali e la possibilità di rimuovere i direttori generali che non rispettano gli obiettivi prefissati.

Cosa cambierà in concreto?

Se per un ricovero o una visita o un accertamento, ospedali e Asl non rispetteranno i tempi massimi previsti per legge, ci si potrà rivolgere ai medici di libera professione o ai privati convenzionati pagando solo il ticket.

Molto spesso con i CUP poco digitalizzati si creano i maggiori disagi per i cittadini, e per questo il Governo ha deciso di stanziare nuove risorse per migliorare le prenotazioni.

Inoltre, per la prima volta si potranno consultare online tutte le liste d’attesa pubbliche e private.

Sanità liste d'attesa
Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi