Concorsi truccati nella sanità gestita dal PD

Dalla Basilicata, all’Umbria, etc. è un dilagare di concorsi truccati nella sanità gestita dal PD che, evidentemente ha riformato la Costituzione, riscrivendo a suo uso e consumo l’articolo 97 che in origine fissava il principio di imparzialità nell’azione amministrativa, oggi stabilisce l’opposto: il principio di parzialità.

La versione targata PD del testo costituzionale rende, quindi, lecita e consentita la manipolazione dei concorsi e quanto altro.

Si badi, purchè sia fatta dal PD.

Essendo gli obiettivi politici del PD sacrosanti e indiscutibili, tutto è permesso pur di raggiungerli.

Il fine giustifica i mezzi.

Ed è così che Catiuscia Marini rimane al suo posto, alla guida della Regione Umbria.

Come se nulla fosse successo.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi